.
Annunci online

Il nostro blog
Il gioco del Carnevale....
post pubblicato in diario, il 19 agosto 2008


Eh già, è poprio sempre così nella gran vecchia Italia : le apparenza regnano sovrane. ma che requisiti si deve avere per essere giudicati "brava gente"? Basta una fede al dito per rendere l'uomo bravo marito e bravo padre? E basta una ventiquattro'ore e un completo gessato Armani per farlo imprenditore? Questo discorso, pieno di interrogativi, mi è saltato alla mente vedendo una pubblicità ( non vi dico qual'è, vediamo se indovinate...), in fermo immagine, in cui la solidità e la serietà sono rappresentati da una scrivania in mogano, forse, pesante, da una foto in cornice di un incontro con il Papa e da un sorriso altisonante sul viso di un uomo in completo scuro con la fede al dito. ma basterà avere incontrato il Papa per dare fiducia alla gente? Oggi forse la risposta è sì. Non conosco quell'imprenditore e nemmeno le sue vicende private, non giudico nessuno. Ma voglio dire smettiamola una buona volta di giocare al carnevale!



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 19/8/2008 alle 12:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
La Georgia brucia
post pubblicato in diario, il 11 agosto 2008


In Georgia è guerra vera. Bombardamenti, jet che sfrecciano lanciando siluri sulle città, navi militari che mettono porti a ferro e a fuoco, carriarmati che bruciano o che avanzano, battaglie di terra e battaglie aeree, profughi che scappano, bambini che cercano le madri tra le macerie delle loro case, soldati che muoiono combattendo per la patria, civili che muoiono perché si trovano al posto sbagliato nel momento sbagliato, ma è difficile non trovarvisi, nel posto sbagliato, quando un'intera città viene distrutta dalle bombe.
Di chi è la colpa di tutto ciò? Chi sono i responsabili di questa guerra?
La Russia, sicuramente: provoca Tbilisi fin da quando essa ha deciso di entrare nell'area di influenza NATO, ed ora migliaia di soldati russi combattono non solo in Ossezia, la tanto contestata regione, ma perfino nel cuore della Georgia. Ma c'è qualche altro responsabile? La Georgia stessa, forse? C'è da dire che ora, vedendo le sorti della breve (finora) guerra rovesciarsi, a causa di un impegno russo così spropositato da risultare imprevisto perfino agli esperti più pessimisti, ha chiesto il cessate il fuoco, ma è stata proprio la Georgia a dare inizio alle ostilità in grande stile, con la distruzione (questo è ciò che dicono i media) della capitale osseta e l'invasione di terra.
Gli osseti però hanno avuto l'aiuto dei loro grandi protettori, i russi. I georgiani, invece, per fortuna, non hanno avuto dagli USA e dall'UE quella protezione che tanto speravano, altrimenti ora staremmo parlando probabilmente della terza guerra mondiale.
Putin sta mostrando, tanto per cambiare, i muscoli. La sua Russia non sembra poi così diversa, sulla politica estera, da quella di età sovietica. Per quanto tempo l'Europa accetterà ciò?
Siamo tutti a parlare della mancanza dei diritti umani in Cina, ed è giusto che ne parliamo. Ma non sarebbe ora di chiacchierare un po' su questa Russia che i diritti umani li calpesta, che ha una politica chiaramente militaristica, che ha distrutto la Cecenia indipendentista ed ora rischia di distruggere la Georgia che si oppone all'indipendenza di una sua regione?

Ps l'abbraccio e il bacio tra la georgiana e la russa, sul podio olimpico, è stato bellissimo.



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 11/8/2008 alle 10:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
I tre mali d'Italia
post pubblicato in diario, il 5 agosto 2008


Julia ci ha dato il compito di riassumere i tre mali d'Italia, e, dobbiamo dire, più che un compito è un gradito spunto, perché non vedevamo l'ora di spiattellare tutto quello che pensiamo di questo Paese.

Premessa d'obbligo: scegliere solo tre tra tutti i mali dell'Italia è come parlare solo di una goccia in un oceano...
Indifferenza gli italiani sono un popolo passivo, che si lascia trascinare da demagoghi populisti; qualunque cosa succeda, è sempre una minoranza ad "accorgersene" ed, eventualmente, protestare, ma, si sa, la maggioranza vince, ed in questo caso è frustrante perché vince senza muovere un passo. La cosa più grave è che sono proprio i giovani, quelli che dovrebbero più preoccuparsi per il futuro, ad essere indifferenti, ancor più che passivi, rispetto a tutto quello che, secondo loro, non li riguarda direttamente. I ragazzi si trincerano dietro motti pre-impostati, o peggio ancora non si importano proprio di niente; le ragazze sono più preoccupate a seguire l'andamento della cellulite di britney Spears. (ci sono le eccezioni, ovviamente).
L'arretratezza E' pur vero che ai giovani non si dà mai fiducia. L'Italia è un paese di vecchi e per vecchi. La ricerca è forse il settore in cui si investe di meno, quando potrebbe e dovrebbe essere il nostro punto di forza per uscire da una situazione di stallo economico-culturale. I politici sono sempre gli stessi, Veltroni che voleva essere l'homo novus, fa politica da una trentina d'anni, il presidente del consiglio è un venerando vecchietto.
La Chiesa Le interferenze ecclesiastiche nella politica italiana sono intollerabili, gli italiani non possono dire niente sullo Stato Vaticano, mentre i porporati possono fare il contrario, altrimenti si scatenano le guerre contro i "bavagli" al Papa. Il Pontefice, tra l'altro, trova il modo di occuparsi della città di Roma solo per criticare il degrado in cui è caduta (lo ha fatto prima delle elezioni comunali). Certo, la colpa principale è dei politici che decidono seguendo i precetti cattolici più che quelli costituzionali... ed è pur vero che se lo fanno è perché una buona fetta di italiani vuole che sia così. Però, in ogni caso, è insopportabile che la Chiesa distolga l'interesse degli italiani da problemi veri, come precariato, giustizia, economia, per concentrarla su temi etici.
E chissà cosa lo Stato italiano potrebbe fare per il sociale, con i circa 4,5 miliardi d'euro annui che la Chiesa non paga di tasse... e tiene per sé.

Dobbiamo anche scegliere altri cinque amici che devono a loro volta elencare tre mali italiani.
La scelta ricade su:
SvegliaItalia
Elepuntaallaluna
Zibaldone2
Valigetta
Fioredicampo




permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 5/8/2008 alle 12:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
I love the all world
post pubblicato in diario, il 4 agosto 2008


Discovery Civilisation non trasmette più i suoi bei programmi di storia. Al loro posto, dal primo agosto, va in onda ininterrottamente una meravigliosa pubblicità d'addio. 
Due astronauti osservano la Terra dallo spazio, dicendodi che non smetterebbero mai di guardarla, e che fa venire loro voglia di cantare una canzone. Questa:

Amo le montagne
Amo il cielo azzurro
Amo i grandi ponti
Amo quando gli squali bianchi volano
Amo il mondo intero
e tutto ciò che racchiude
Amo l'oceano
Amo le cose veramente sporche
Amo la velocità
Amo i re egizi
Amo il mondo intero
e tutto cio che è bizzarro
Amo i tornado
Amo gli aracnidi
Amo il magma
Amo i calamari giganti
Amo il mondo intero
è un posto fantastico!

La canzone è cantata, in inglese, da decine di persone diverse, ad ogni strofa corrisponde una scena meravigliosa: l'archeologa che sembra coccolare la mummia egizia, lo squalo bianco che salta per afferrare la preda, gli aborigeni che ballano, i monaci tibetani che pregano e cantano, un uomo in un tornado, un altro che tiene un ragno sulle mani... Una pubblicità stupenda, ed ancora più meraviglioso è il messaggio che contiene.
Nell'Italietta di oggi, fa bene sentire queste canzoni che ci ricordano che siamo cittadini del mondo, prima che di un paese di super ricchi e di poveri, di razzisti, di furbi, di mafiosi, di neofascisti ecc.



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 4/8/2008 alle 23:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Ma il cielo è sempre più blu
post pubblicato in diario, il 2 agosto 2008


Ho pensato interessante inserire questa canzone ,scritta dal cantautore Rino Gaetano, che riassume tutta la nostra società, eppure è stata scritta nel 75...

  Chi vive in baracca, chi suda il salario
chi ama l'amore e i sogni di gloria
chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria
Chi mangia una volta, chi tira al bersaglio
chi vuole l'aumento, chi gioca a Sanremo
chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno
Chi ama la zia chi va a Porta Pia
chi trova scontato, chi come ha trovato
Ma il cielo è sempre più blu
ma il cielo è sempre più blu.
Chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo
chi gioca coi fili chi ha fatto l'indiano
chi fa il contadino, chi spazza i cortili
chi ruba, chi lotta, chi ha fatto la spia
Ma il cielo è sempre più blu
ma il cielo è sempre più blu.
Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca
chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori
chi legge la mano, chi regna sovrano
chi suda, chi lotta, chi mangia una volta
chi gli manca la casa, chi vive da solo
chi prende assai poco, chi gioca col fuoco
chi vive in Calabria, chi vive d'amore
chi ha fatto la guerra, chi prende i sessanta
chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro
Ma il cielo è sempre più blu
ma il cielo è sempre più blu
ma il cielo è sempre più blu
Chi è assicurato, chi è stato multato
chi possiede ed è avuto, chi va in farmacia
chi è morto di invidia o di gelosia
chi ha torto o ragione,chi è Napoleone
chi grida "al ladro!", chi ha l'antifurto
chi ha fatto un bel quadro, chi scrive sui muri
chi reagisce d'istinto, chi ha perso, chi ha vinto
chi mangia una volta,chi vuole l'aumento
chi cambia la barca felice e contento
chi come ha trovato,chi tutto sommato
chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo
chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo
chi è stato multato, chi odia i terroni
chi canta Prévert, chi copia Baglioni
chi fa il contadino, chi ha fatto la spia
chi è morto d'invidia o di gelosia
chi legge la mano, chi vende amuleti
chi scrive poesie, chi tira le reti
chi mangia patate, chi beve un bicchiere
chi solo ogni tanto, chi tutte le sere
Ma il cielo è sempre più blu
ma il cielo è sempre più blu .

E' una canzone anticipatrice o è la nostra società che non è poi così cambiata dagli anni settanta?



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 2/8/2008 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
Civiltà e schiavitù
post pubblicato in diario, il 2 agosto 2008


Domandina di inizio agosto: come si conciliano la civiltà e la schiavitù?
Come per quella sulle SS, vi spiego da dove ho preso spunto per la domanda: in una rara rimpatriata di amici, ho visto 10.000 a.C.  Ebbene, alla fine del film il popolo "preistorico" si allea con gli schiavi egiziani ed insieme ammazzano il faraone e distruggono la civiltà delle piramidi.
Commento di un mio amico: "Sti quattro trogloditi hanno distrutto l'unica civiltà del tempo!!".
Risposta di un altro mio amico: "Azz, chiamala civiltà, con tutti quegli schiavi!!".
Io ho affrettatamente affermato, un po' idealisticamente, che nessuna società basata sulla schiavitù può essere considerata una civiltà. Poi, però, più tardi, ci ho pensato su e mi sono pentito. Non sono sicuro che sia così. Gli egiziani ed i romani, tanto per fare due esempi, basavano la loro società sulla schiavitù, eppure sono stati i due popoli più incredibili dell'antichità, probabilmente. Hanno dato vita ad innovazioni impensabili, hanno raggiunto un grado tecnologico impressionante e le loro meraviglie sono entrate di diritto nelle meraviglie universali.
Eppure, usavano gli schiavi, e li ammazzavano senza tanti problemi.
Meglio democratiche società contadine?
Dal punto di vista degli schiavi egiziani, sì, sicuramente.
Ma se gli egiziani ed i romani non avessero fatto ricorso alla schiavitù, non avrebbero mai lasciato quelle tracce di grandezza giunte fino a noi...
Sono confuso. Voi cosa ne pensate?



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 2/8/2008 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Ponzio Pilato
post pubblicato in diario, il 1 agosto 2008


Ci sono le persone che vogliono smettere di soffrire, anche se ciò significa morire; ci sono le persone che glielo vogliono impedire; e c'è una persona, che di mestiere fa il politico, che dice "Io me ne lavo le mani". Costui è Walter Veltroni. Il Pd si è astenuto dalla votazione sul caso Englaro.
Quando ci saranno le prossime elezioni, pensiamoci.

Vi informo, intanto, che sto facendo, da un po' di giorni, un giro tra i blog dei senatori del pd.
Ho lasciato un commento, che era in realtà una domanda, su temi come il caso englaro o l'immigrazione o la circolare brunetta, ai seguenti senatori del Pd: Negri Magda, Marcenaro Pietro, Leddi Maria Maiola, Ceccanti Stefano. Solo la senatrice Negri mi ha risposto, gli altri hanno fatto tutti orecchie da mercante.
Nel frattempo, ho spedito una e-mail a Di Pietro, e la risposta è arrivata qualche giorno dopo, con tanto di scuse per il ritardo.
Infine, ho bisogno di una mano: sul sito del senatore Pd Ichino Pietro Emilio Antonio, c'è un articolo su quello che lui pensa del caso Englaro e delle sue convinzioni su come la laicità e la Chiesa debbano concordarsi. In pratica, il sen. Ichino dice la sua su aborti, eutanasia, ed altri delicati temi etici. O meglio, dovrebbe dire la sua: perché in realtà io non ci ho capito niente! Ha detto tutto per non dire niente! Andate a vedere pure voi, aiutatemi a capire cosa pensa il senatore!



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 1/8/2008 alle 16:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Sfoglia luglio        settembre
calendario
adv