.
Annunci online

Il nostro blog
Civiltà e schiavitù
post pubblicato in diario, il 2 agosto 2008


Domandina di inizio agosto: come si conciliano la civiltà e la schiavitù?
Come per quella sulle SS, vi spiego da dove ho preso spunto per la domanda: in una rara rimpatriata di amici, ho visto 10.000 a.C.  Ebbene, alla fine del film il popolo "preistorico" si allea con gli schiavi egiziani ed insieme ammazzano il faraone e distruggono la civiltà delle piramidi.
Commento di un mio amico: "Sti quattro trogloditi hanno distrutto l'unica civiltà del tempo!!".
Risposta di un altro mio amico: "Azz, chiamala civiltà, con tutti quegli schiavi!!".
Io ho affrettatamente affermato, un po' idealisticamente, che nessuna società basata sulla schiavitù può essere considerata una civiltà. Poi, però, più tardi, ci ho pensato su e mi sono pentito. Non sono sicuro che sia così. Gli egiziani ed i romani, tanto per fare due esempi, basavano la loro società sulla schiavitù, eppure sono stati i due popoli più incredibili dell'antichità, probabilmente. Hanno dato vita ad innovazioni impensabili, hanno raggiunto un grado tecnologico impressionante e le loro meraviglie sono entrate di diritto nelle meraviglie universali.
Eppure, usavano gli schiavi, e li ammazzavano senza tanti problemi.
Meglio democratiche società contadine?
Dal punto di vista degli schiavi egiziani, sì, sicuramente.
Ma se gli egiziani ed i romani non avessero fatto ricorso alla schiavitù, non avrebbero mai lasciato quelle tracce di grandezza giunte fino a noi...
Sono confuso. Voi cosa ne pensate?



permalink | inviato da Eva Kant e Diabolik il 2/8/2008 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Sfoglia luglio        settembre
calendario
adv